Le Dimore del Quartetto

TRIO SŌRA

Categorie ,
Pauline Chenais, pianoforte
Clémence de Forceville, violino
Angèle Legasa, violoncello

Il Trio Sōra è un ensemble di qualità. La loro capacità di comprensione della composizione, il loro ascoltarsi a vicenda, il fare musica in maniera sensibile e allo stesso tempo vivace – tutto ciò mi ha regalato gioia e piacere“, ha detto il Maestro Sir András Schiff.

Fondato a Parigi nel 2015, il Trio Sōra è un ensemble al femminile, carismatico, che mostra una delle identità artistiche più attraenti della loro generazione.

Regolarmente invitato ad esibirsi in sale come Wigmore Hall e Southbank Centre a Londra, la Beethoven-Haus di Bonn, Verbier Festival, Philarhamonie de Paris e Auditorium du Louvre e in festival come Folle Journée de Nantes e il Festival d’Aix-en-Provence, il Trio Sōra si distingue per le audaci interpretazioni.

Vincitore di numerosi riconoscimenti – HSBC Laureate dell’Académie du Festival d’Aixen-Provence (2017), Parkhouse Award (2017), Special Prize della Verbier Festival Academy (2018) — il Trio collabora con grandi musicisti come Mathieu Herzog, András Schiff, Menahem Pressler, Antonio Meneses, Andreas Keller, Tabea Zimmermann, Quatuor Ebène e Artemis Quartet.

Nell’autunno 2020, il Trio Sōra pubblicherà il primo CD dell’integrale dei trii per pianoforte di Beethoven, con Naïve Records. L’obiettivo è quello di celebrare l’umanità e l’incredibile modernità del compositore. L’ensemble è inoltre impegnato nella promozione di compositrici e profili contemporanei come Dieter Ammann, Kelly-Marie Murphy, Camille Pépin, Wolfgang Rhim e Eric Tanguy.

Il Trio Sōra è ensemble in residenza a Fondation Singer-Polignac e ProQuartet-CEMC, ed è sostenuto da Günther Caspar Stiftung, Spedidam, Swiss Life Foundation e Adami. Nel 2019 è stato selezionato per entrare a far parte de Le Dimore del Quartetto. È inoltre vincitore del BBT Fellowship 2020. 

Clémence de Forceville suona un violino Giovanni Battista Guadagnini del 1777 e Angèle Legasa un violoncello Giulio Cesare Gigli del 1767, strumenti generosamente donati dalla Boubo-Music Foundation. 

Ph. Astrid di Crollalanza
www.triosora.com