Le Dimore del Quartetto

QUATUOR AKHTAMAR, BELGIO

Categorie ,
Coline Alecian, violino
Jennifer Pio, violino
Ondine Stasyk, viola
Cyril Simon, violoncello

Akhtamar, una leggenda armena. Il nome del quartetto viene dai pezzi armeni di Komitas/Aslamazyan, che l’ensemble suona regolarmente sin dalla loro fondazione, e che sono diventati la loro firma. Formatosi a Bruxelles nel 2014, l’ensemble è stato uno dei sei quartetti selezionati per il “tremplins jeunes quatuors” della Filarmonica di Parigi nel 2016 e nello stesso anno ha visnto il secondo premio al festival Musiq’3.
L’Akhtamar Quartet si esibisce in prestigiose sale da concerti e festival in tutta Europa: Radio France Festival di Montpellier, il Concertgebouw di Bruges (Be), il MonteLeón Festival (Sp), e suona anche in Italia, Germania, Svizzera, Austria, gli Stati Baltici, e ovviamente in Armenia.

Nel 2020, il quartetto ha inciso il suo primo CD:“légende arménienne”. L’etichetta Cypres Records ha prodotto questa registrazione delle miniature di Komitas e “Un Quatuor Arménien” di Eugenie Alecian (dedicato all’Akhtamar Quartet). Légende arménienne viene regolarmente trasmesso dale radio nazionali (Musiq’3, France Musique, SWR2 in German), ed è stato premiato con quattro stelle dalla prestigiosa rivista della BBC Music Magazine.
L’Akhtamar Quartet tiene molto a lavorare con compositori contemporanei. Diversi compositori, come Roger Boutry, Eugénie Alécian, Jan Kuijken e Judith Adler de Oliveira hanno chiesto al quartetto di incidere e suonare i loro pezzi.

L’ensemble dà molta importanza alla diffusione della musica classica ovunque e per chiunque. Per questo hanno ideato diverse performance, e le hanno adattate a diversi luoghi (suole, ospedali, istituti psichiatrici…).

Il quartetto è parte degli istituti di formazione ProQuartet e di ECMA (European Chamber Music Academy). Frequenta dei corsi allo Joseph Haydn Institut della University of Music di Vienna. L’Akhtamar Quartet  è supportato dalla Fédération Wallonie-Bruxelles, dal Concertgebouw Bruges, da Le Dimore del Quartetto, da Karine Arabian Paris e dalla Boghossian Foundation.

www.akhtamarquartet.com