Le Dimore del Quartetto

QUARTETTO GOLDBERG, ITALIA

Categorie , ,
JINGZHI ZHANG, VIOLINO
GIACOMO LUCATO, VIOLINO
MATILDE SIMIONATO, VIOLA   
MARTINO SIMIONATO, VIOLONCELLO

Il Quartetto Goldberg nasce nel 2021 durante la seconda ondata della pandemia come gruppo di studio in un momento in cui i concerti e le possibilità di crescita come musicisti sono ridotte all’osso. Il nome vuole essere un omaggio alle Variazioni di J. S. Bach, brano che lega nel profondo i quattro componenti ed esprime gli ideali cardine del loro far musica: ricercatezza, semplicità e comunicatività. Ad ottobre 2021, il quartetto è ammesso allo Stauffer Center for Strings, dove segue regolarmente il corso di Artist Diploma nella classe del Quartetto di Cremona e ha la possibilità di frequentare masterclass e lezioni di musicisti internazionali quali Kyril Zlotnikov (Jerusalem Quartet), Sarah McElravy (Linden Quartet), Mark Messenger (Royal College of Music), Viktoria Mullova and Matthew Barley (Improvisation workshop) e Heime Muller (Artemis Quartet).

A dicembre 2021 l’ensemble entra a fare parte della rete de Le Dimore del Quartetto, per cui quale ha suonato alla conferenza stampa d’inaugurazione del progetto The String Circle presso l’Auditorium Arvedi di Cremona e tramite cui ha preso parte al festival “Musica con Vista 2022” del Comitato AMUR per i concerti organizzati da società artistiche come Filarmonica Laudamo, Musica Insieme Bologna e La Società dei Concerti di Milano.

Il Quartetto Goldberg è stato scelto come “Artista Residente” della Fondazione La Società dei Concerti di Milano per la stagione 2022/2023 ed è inoltre vincitore della borsa di studio “Giovani talenti dell’Accademia Stauffer” promossa dal Rotary Club di Cremona. Il quartetto è stato selezionato dal Quatuor Zaïde per l’International String Quartet Academy, che si è svolta a Parigi nel luglio 2022, avendo la possibilità di incontrare musicisti di fama internazionale tra cui Gilles Apap, Johannes Meissl, Jovan Markovitch e Quatuor Zaïde. Il gruppo parteciperà inoltre allo Zeist Music Days Festival 2022, organizzato da Alexander Pavlovsky (primo violino del Jerusalem Quartet) dovrà riceverà lezioni da Cuarteto Quiroga, Quatuor Ebène, Pavel Haas quartet, Quartetto di Cremona e alla futura Nuite de Quatuor 2022, che si svolgerà a Parigi presso l’Orangerie del Museo d’Orsay, suonando il quartetto n. 11 op. 95 di L. Van Beethoven detto “Serioso”.

Jingzhi Zhang suona un violino Carlo Testore, della Fondazione Pro Canale Mila
Giacomo Lucato suona un violino Dante Regazzoni, della Collezione Regazzoni 
Matilde Simionato suona una Viola Dante Regazzoni, della Collezione Regazzoni
Martino Simionato suona un Violoncello Dante Regazzoni, della Collezione Regazzoni

JINGZHI, GIACOMO, MATILDE E MARTINO

Jingzhi abbraccia l’Arte nella sua totalità. Mentre disegna e dipinge è ispirata dalle note del quintetto d’archi in do maggiore per due violoncelli di F. Schubert, il suo sogno musicale nel cassetto.

Giacomo cresce in un paesino alle porte del Monferrato, dove l’aria sa di fieno e gelsomino ed è vivo il ricordo del pittore futurista Carlo Carrà. Affascinato dalla vita dei compositori classici, racconta la storia della musica attraverso articoli e disegni per il settimanale La Voce Alessandrina mentre ascolta le note dei quartetti di “papà” Haydn.

Matilde trasmette con gioia ed allegria la propria passione per la musica. È insegnante presso la Ricordi Music School di Milano, dove cerca di instillare a grandi e piccini la sensibilità all’ascolto. Vive emozioni ad alta velocità, che viaggiano a ritmo del quarto tempo della Sonata per viola sola op. 25 n. 1 di Paul Hindemith.

Martino si dedica al Sapere nella sua interezza. La sua curiosità intellettuale lo porta ad approfondire quotidianamente la musica leggendo biografie e trattati. Ogni momento è buono per lasciarsi andare all’ascolto e all’esecuzione di J. S. Bach, perdendosi fra i contrappunti delle Variazioni Goldberg e le danze delle sei Suites per violoncello solo.