6 LUGLIO 2020 | VILLA BERNASCONI, CERNOBBIO (CO)

Lunedì 6 luglio 2020, ore 21 – Villa Bernasconi, Cernobbio (CO)

MUSICA CON VISTA

NERIDA QUARTETT

Nevena Tochev, violino | Saskia Niehl, violino

Pietro Montemagni, viola | Alma Tedde, violoncello

PROGRAMMA

Luigi Boccherini (1743-1805) – Quartetto per archi n. 55 in la maggiore, op. 39 n. 4, G 213
I. Allegro moderato II. Minuetto – Trio III. Grave IV. Allegro giusto

Ludwig van Beethoven (1770-1827) – Quartetto in mi bemolle maggiore op. 74 n. 10 “delle arpe”
I. Poco Adagio. Allegro II. Adagio ma non troppo III. Presto IV. Allegretto con variazioni

BIGLIETTI €10
Prenotazione obbligatoria a info@soconcerti.it – 0266984134 / 0266986956
I biglietti si ritirano la sera del concerto previo pagamento a mezzo carta di credito

Il concerto si svolgerà all’aperto. In caso di maltempo, il concerto si terrà presso la Chiesa del Santissimo Redentore di Cernobbio.

Al fine di partecipare in sicurezza, l’organizzazione garantirà il distanziamento fisico e il rispetto delle norme previste dal DPCM 11.06.2020. Sarà inoltre necessario per tutti i partecipanti indossare mascherine.

 

VISITA DI VILLA BERNASCONI

La Villa Bernasconi resterà aperta in occasione del concerto oltre l’orario di chiusura, si potrà quindi accedere fino alle 21.
Prenotazione obbligatoria e entrate contingentate.
Ogni informazione sul sito della Villa: www.villabernasconi.eu

Informazioni turistiche su Cernobbio: iat@comune.cernobbio.it

CENA A CERNOBBIO

Chi vorrà potrà approfittare di una cena nel borgo storico di Cernobbio, in un locale tipico e rappresentativo dell’enogastronomia lariana: L’Osteria del Beuc. Rimarrà aperta anche il lunedì sera (nonostante sia giorno di chiusura abituale) e la sua proprietaria Claudia offrirà l’aperitivo a chi vorrà cenare (prima o dopo il concerto e comunque previa prenotazione) presso il ristorante.
www.osteriadelbeuc.it | Tel. 031341633 | Email: info@osteriadelbeuc.it

 

LA MAPPA DI MUSICA CON VISTA

 
 

I CONSIGLI DI LETTURA DI MAGAZZINO MUSICA – MAMU

La musica strumentale italiana tra XVIII e XIX secolo

Il volume, con saggi di A. Peroni, C. Felici, G. Lavezzi, M. Dellaborra, G. Salvetti, E. Previdi, M. Vaccarini, D. Prefumo, indaga aspetti della produzione strumentale di Boccherini, Tartini, Rolla, Paganini, Bignami, e affronta tematiche come i modi della pratica musicale di quegli anni, il patrocinio musicale di Maria Luisa d’Etruria, le opinioni degli scrittori sulla musica.

Editore: Società editrice di musicologia

Costo 20,00 € 
Acquistalo ora online oppure presso la libreria di Magazzino Musica a Milano, in via soave 3.

Charles Burney voleva che la sua “General History of Music” fosse qualcosa di più e di diverso dai sommari o dalle compilazioni erudite già esistenti. Perciò si mise in viaggio, nella primavera del 1770, verso l’Italia per raccogliere sul posto quelle notizie di prima mano che le biblioteche londinesi non potevano procurargli. Da questo viaggio avventuroso nacque un diario il cui interesse, a circa due secoli dalla pubblicazione a Londra, è rimasto intatto. Burney vi annotò scrupolosamente, con vivacità e acume psicologico, tutte le sue vicissitudini, dal giugno al dicembre del 1770.

Editore: EDT

Costo 13,50 € 
Acquistalo ora online 
oppure presso la libreria di Magazzino Musica a Milano, in via soave 3.

“L’energia è la sostanza della musica beethoveniana, e i suoi modi di essere ne costituiscono i connotati. Nel catalogo di Beethoven, i quartetti per archi sono la zona in cui quei modi di essere sono concentrati nel più straordinario contesto di varianti e di arte inventiva. Comincia qui il nostro lavoro di identificazione”. Un saggio affascinante che analizza i modelli filosofici, poetici, visivi dei quartetti per archi di Beethoven e ne esplora il territorio musicale e i suoi confini.

Editore: Jaca Book

Costo 25,00 €  
Acquistalo ora online
oppure presso la libreria di Magazzino Musica a Milano, in via soave 3.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE LA PROGRAMMAZIONE COMPLETA DI MUSICA CON VISTA

Concerto organizzato nell’ambito del festival Musica con Vista del Comitato AMUR, di cui Fondazione La Società dei Concerti di Milano fa parte

in collaborazione con