Le Dimore del Quartetto

SOSTIENI IL PROGETTO

 

Attraverso il tuo sostegno contribuisci ad un circolo virtuoso che coinvolge una moltitudine di valori: i Giovani Talenti Musicali e la loro carriera futura, il Patrimonio Culturale e Artistico del tuo Paese, un nuovo modo di fare cultura e turismo di qualità a costi irrisori, una nuova familiarità con la musica classica.

Puoi donare tramite bonifico bancario a:

Associazione Le Dimore del Quartetto
Banca Prossima - Piazza Paolo Ferrari, 10 - 20121 Milano
IBAN: IT13 S033 5901 6001 0000 0147 310
BIC/SWIFT: BCITITMX

 

Le Dimore del Quartetto è un progetto nato in collaborazione con

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

ADSI

L’Associazione Dimore Storiche Italiane nasce a Roma il 4 marzo 1977 sull’esempio di analoghe associazioni già operanti in altri Paesi europei. Ente Morale Riconosciuto con DPR 26/11/90, non ha scopi di lucro. Si propone di agevolare la conservazione, la valorizzazione e la gestione delle dimore storiche. ADSI garantisce la comunicazione e il reperimento di dimore storiche indispensabili per lo sviluppo e il consolidamento del progetto.


ACCORDI TRA ADSI E LE DIMORE DEL QUARTETTO

L’Associazione Le Dimore del Quartetto stipula con A.D.S.I. un accordo per promuovere la formazione e la visibilità dei giovani quartetti e di altre giovani formazioni di musica da camera, favorendone lo studio di gruppo in luoghi dedicati e senza costi per loro, ospitati in Dimore Storiche Italiane e in altre dimore e strutture con spazi adeguati, in Italia e all’estero, con impegno dei giovani ospitati ad offrire una loro prestazione artistica al termine dell’ospitalità.
I Musicisti, scelti dai consulenti artistici dell’Associazione, soggiorneranno all’interno di una dimora per studiare (tempo massimo una settimana) e al termine di tale periodo, ringrazieranno il padrone di casa ed i suoi eventuali ospiti, con un concerto gratuito.
Naturalmente saranno i proprietari ed i musicisti a stabilire il periodo di ospitalità e le modalità del momento musicale a conclusione del soggiorno.
Questo progetto ha la finalità di valorizzare la musica e il patrimonio artistico, creando nuove occasioni di incontro in luoghi spesso inconsueti, riportando in vita spazi non sempre utilizzati e in alcuni casi nati proprio per suonare musica.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

ASSOCIAZIONE PIERO FARULLI

Promossa da Adriana Verchiani Farulli insieme ad un gruppo di amici, musicisti ed ex allievi del Maestro Piero Farulli, Viola del Quartetto Italiano, l’associazione è nata per custodire e tramandare l’eredità morale del Maestro. Sostiene ogni iniziativa tesa a diffondere l’amore per la musica classica, la conoscenza critica e la pratica attiva della medesima, in proprio o in collaborazione con istituzioni pubbliche e private.
Il progetto Le Dimore del Quartetto è nato all’interno dell’Associazione Piero Farulli nel 2015. Pur essendosi poi costituito come realtà autonoma, le due associazioni continuano a collaborare attraverso varie forme: concerti, prestiti degli strumenti, borse di studio ecc.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

SOCIETÀ DEL QUARTETTO DI MILANO

La Società del Quartetto di Milano è la più antica società musicale italiana con attività continuativa da oltre 150 anni.
Nel 1864 Arrigo Boito, Tito Ricordi e altri «cultori della buona musica» promuovevano la «costituzione di un’Accademia di Musica sotto il titolo Società del Quartetto, con sede e fondamento a Milano». Da allora, con la breve interruzione negli anni 1943 e 1994 per ragioni belliche, la Società del Quartetto ha ogni anno realizzato e realizza una fra le più prestigiose stagioni di concerti di musica da camera che vi siano in Europa.
Nei suoi annali sono le storiche prime esecuzioni italiane della “Passione secondo Matteo” di Bach e delle sinfonie di Beethoven, e le ben dieci esecuzioni integrali dei Quartetti per archi di Beethoven.
Altro scopo sociale era la "fondazione di premi per concorsi": e, a partire dai concorsi di composizione originari, il Quartetto ha tenuto viva sino ad oggi una tradizione rivolta al presente, quella di commissionare opere nuove ai compositori contemporanei.
A seconda dei periodi storici, l’attività del “Quartetto” è stata riservata ai soli soci o aperta anche all’esterno; attualmente, con la riforma statutaria del 2001 la Società del Quartetto ha stabilmente riaperto i concerti a tutto il pubblico, e non ai solo soci.
Memorabili nel percorso di riapertura del Quartetto a tutto il pubblico sono stati il progetto di esecuzione integrale di tutte le Cantate di Bach tra il 1994 e il 2004, tuttora unico in Italia, e le coproduzioni di grandi concerti sinfonici al Teatro alla Scala, con le massime orchestre mondiali, fra le quali i Berliner Philharmoniker diretti da Claudio Abbado.
Presidenti della società del Quartetto sono stati alcuni fra i più eminenti personaggi della vita milanese, dai musicisti (Arrigo Boito, Ildebrando Pizzetti e Gianandrea Gavazzeni), agli imprenditori (fra i quali due esponenti della famiglia Borletti) ai rappresentanti delle antiche famiglie milanesi (Taverna, D’Adda, Belgiojoso, Dal Pozzo, Visconti di Modrone, Cicogna).
Dal 2006 è Presidente della Società del Quartetto l’avvocato Antonio Lodovico Magnocavallo, socio fondatore dell’associazione Le Dimore del Quartetto. Società del Quartetto di Milano collabora nell’organizzazione di alcuni dei concerti de Le Dimore del Quartetto e ospita i giovani quartetti selezionati nella Stagione musicale.

Società del Quartetto di Milano è socia dell’Associazione Le Dimore del Quartetto

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

 

Con il sostegno di

ITSRIGHT

ITSRIGHT è una società di collecting nata nel 2010 per gestire, in Italia e all’estero, i compensi per i diritti connessi, dovuti per la diffusione in pubblico di musica registrata. Tali compensi spettano agli artisti interpreti ed esecutori musicali (cantanti, musicisti, turnisti, coristi, orchestrali),  ai direttori d’orchestra e di coro, ai complessi orchestrali o corali, ai produttori artistici e ai produttori discografici.
Obiettivo di ITSRIGHT è garantire una gestione globale, sistematica e trasparente del processo di incasso e distribuzione dei compensi per i diritti connessi. Ad oggi ITSRIGHT rappresenta più di 4.000 artisti italiani e stranieri e oltre 200 produttori discografici. ITSRIGHT è socio de Le Dimore del Quartetto e sponsor tecnico, in quanto gestisce i rapporti dell’associazione con la SIAE.


ACCORDI TRA ITSRIGHT E LE DIMORE DEL QUARTETTO

ITSRIGHT è partner del progetto Le Dimore del Quartetto, un’iniziativa realizzata dall’omonima associazione in collaborazione con ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane), che unisce l’esigenza formativa dei giovani Quartetti d'archi alla valorizzazione del patrimonio di dimore storiche.
Il progetto realizza un’economia circolare e virtuosa dove le dimore coinvolte nell’iniziativa si trasformano in una risorsa preziosa per giovani formazioni musicali, che trovano, così, il luogo ideale per lo studio e il lavoro di gruppo. La restituzione dell’ospitalità in musica crea un valore aggiunto per le dimore che tornano ad essere un centro culturale per la comunità, luoghi d’incontro dove riscoprire la bellezza e l’arte in ogni sua forma espressiva.
Nato sotto la direzione di Francesca Moncada, con la direzione artistica di Simone Gramaglia, il progetto Le Dimore del Quartetto trova in ITSRIGHT un interlocutore sensibile e attento a sviluppare una collaborazione volta a valorizzare la musica come veicolo alla cultura, a promuovere iniziative a sostegno dei giovani talenti e del loro percorso formativo, introducendoli alla cultura dei diritti connessi e ai servizi offerti da ITSRIGHT.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

FONDAZIONE ENZO HRUBY

La Fondazione Enzo Hruby nasce il 4 ottobre 2007 per iniziativa della famiglia Hruby e di HESA S.p.A., azienda italiana che dal 1974 collabora con i più importanti produttori mondiali nel settore della sicurezza. Scopo della Fondazione, che non ha finalità di lucro e persegue obiettivi connotati da valenza sociale, è “la promozione di una cultura della sicurezza intesa quale protezione o salvaguardia dei beni pubblici e privati – in primis, quelli di interesse artistico, monumentale, storico e paesaggistico – attraverso il corretto impiego di tecnologie appropriate”. Nel corso della propria attività la Fondazione Hruby si è più volte dedicata anche alla protezione di edifici storici e, in particolare, luoghi come il Castello Bufalini a Perugia, la Basilica Palladiana a Vicenza e, tra gli ultimi, Palazzo Pisani a Venezia, sede del Conservatorio Benedetto Marcello.