Le Dimore del Quartetto

MASSERIA SPINA, MONOPOLI (BA)

Categorie , ,

I primi insediamenti di Masseria Spina rientrano tra i più importanti esempi della civiltà rupestre che si sviluppa, in Puglia, tra il IX ed il XII sec. circa. Gli insediamenti rupestri sorgevano nei pressi di corsi d’acqua di origine torrentizia, chiamati “lame” o “mene”, ed erano generalmente costituiti da un complesso organico di grotte ciascuna adibita ad un determinato scopo (abitazioni, luoghi di lavoro, chiese).
Sono visibili le tracce di antichissime palificazioni e di una piccola necropoli, risalente al periodo alto medioevale, segno tangibile della presenza, intorno all’XII sec., di una comunità piuttosto numerosa.
Successivamente, tra il XV e il XVI sec., intorno alla Chiesa Minore, furono realizzate dalla popolazione locale due torri e locali impiegati per le attività agricole, assumendo così l’aspetto di un borgo, nel quale si contavano circa cento focolari. Il complesso monumentale è stato completato dalla Chiesa dell’Immacolata, nel XVIII sec.