Le Dimore del Quartetto

MAISON DE MONACO, PARIGI

Categorie , ,

Fu il principe Pierre de Polignac, nonno dell’attuale principe Alberto II di Monaco, che iniziò la campagna per finanziare la costruzione di una residenza alla Cité Internationale di Parigi.
Il Principato di Monaco fece la sua prima donazione nel 1929 con la fornitura di 50 letti.  Nonostante ciò, essendo Monaco una piccola realtà, si presentò la necessità di un accordo con la Colombia, con il Venezuela e con la Svizzera anche se tale accordo non venne mai concretamente realizzato. Il 10 novembre 1930, il Principe Louis II, figlio di Pierre de Polignac, creò un comitato che si occupò di raccogliere donazioni private e fondi per la residenza.

La Fondazione Monaco aprì ufficialmente nel 1937 con 78 stanze. La struttura venne disegnata dall’architetto Julien Médecin, che già nel 1925 aveva conquistato notorietà con la Decorative Arts Exhibition.
Dopo aver iniziato la costruzione con uno stile Art Deco, modificò il progetto in favore di una struttura classica in pietra a sei piani. L’ingresso colonnato regge lo stemma del Principato di Monaco, scolpito da Alfred Boucher. Gli interni sono magnificamente decorati e di particolare bellezza è il salone nell’originale stile Art Deco. Una galleria sotterranea, inoltre, collega la dimora alla French Provinces House.

La dimora è oggi gestita dalla Fondation Nationale, Cité Internationale universitaire de Paris e viene frequentemente ristrutturata e modernizzata in collaborazione con il Principato di Monaco. Nel 2002 ha aperto le porte al pubblico dopo dieci mesi di lavori di ristrutturazione volti al miglioramento del comfort delle stanze e della sicurezza dell’edificio.


VUOI RICEVERE ULTERIORI INFORMAZIONI SU QUESTA DIMORA? COMPILA LA RICHIESTA