Le Dimore del Quartetto

CHI SIAMO

Le Dimore del Quartetto è un’organizzazione che sostiene giovani quartetti d’archi nell’avvio alla carriera e valorizza il patrimonio di dimore storiche creando occasioni d’incontro in luoghi inconsueti e solitamente inaccessibili, avvicinando un nuovo pubblico alla musica da camera.

In collaborazione con ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane, il FAI – Fondo Ambiente Italiano e European Historic Houses è stata creata una rete di case che ospitano gratuitamente i musicisti alla vigilia di un impegno artistico, in cambio di un concerto. 

I Quartetti sono selezionati da Simone Gramaglia, viola del Quartetto di Cremona.

La rete vuole essere anche un supporto logistico alle società concertistiche nell’impiego di giovani formazioni musicali per una nuova cultura sostenibile.

Nel 2017 il progetto è stato presentato alla Camera dei Deputati, su invito della Commissione Cultura, nell’ambito dell’indagine “Buone pratiche di diffusione culturale.  
Nel 2018 è stato selezionato da Fondazione Cariplo tra i 20 vincitori (su 321 partecipanti da tutta Italia) del bando “Innovazione Culturale“.

Associazione Le Dimore del Quartetto
via San Vittore 40, 20123 Milano
Codice fiscale: 97765420159
Partita iva: 10194350962
Codice destinatario per fattura 
elettronica: SUBM70N

CONSIGLIO DIRETTIVO:
Francesca Moncadapresidente e rappresentante legale 
Filippo Annunziata, consigliere
Ilaria Borletti Buitoni, consigliere
Gaddo della Gherardesca, consigliere in qualità di presidente ADSI
Nicolò Dubiniconsigliere
Paola Dubini, consigliere

 

SINDACO REVISORE:
Antonia Di Bella

Dopo un passato nella comunicazione pubblicitaria (Mc Cann Erickson, B&B Comunication) si dedica dal 2003 al sostegno di cause no profit con fini culturali ed educativi. Attualmente è vicepresidente della Società del Quartetto di Milano, e consigliere della Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti. E’ stata vicepresidente della Fondazione per i Beni e le Attività Culturali e Artistiche della Chiesa, nonché consigliere dell’Associazione Piero Farulli intitolata alla celebre viola del Quartetto Italiano e dell’Associazione Diamo il La, che promuove e diffonde nelle Scuole dell’Infanzia la sensibilità sonora e la famliarità con la musica come strumento d’integrazione. E’ stata direttrice dello sviluppo e comunicazione in Italia della Georg Solti Accademia di Bel Canto (Masterclass in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini di Venezia), consigliere nel CdA Fondazione Scuola di Musica di Fiesole e presidente dell’Associazione Amici. Per la Mission Laique Francaise è stata referente e responsabile nella ricerca della sede della nuova scuola francese di Firenze collaborando per lo sviluppo del nuovo progetto didattico in particolare musicale (2008|2013). Per tutte queste istituzioni ha instancabilmente cercato di sviluppare progetti a sostegno della musica, dei giovani e della cultura; creando continuamente sinergie fra i diversi attori, ricercando fondi e implementando strategie di marketing.
Ha partecipato al programma di formazione dedicato alle donne che siedono nei consigli di amministrazione delle società quotate italiane promosso da Valore D (In The Boardroom), a cura di Egon Zehnder e dello studio legale internazionale Linklaters.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Gaddo della Gherardesca, 66 anni, fiorentino di nascita, appartiene ad una delle più vecchie famiglie europee le cui memorie scritte datano dal 754 d.c. Ha studiato a Firenze, a 15 anni è entrato al Collegio Navale Morosini di Venezia dove ha conseguito la Maturità Classica. Nel 1968 si è iscritto alla Bocconi.
Ha svolto il servizio militare come Ufficiale di Marina e dopo aver trascorso un lungo periodo della vita a viaggiare, in particolare in Oriente ed in Sud America oltre che in Europa ha iniziato la propria carriera lavorativa nel 1979 in Ciba Geigy, multinazionale svizzera della chimica dove è stato il più giovane dirigente del gruppo in Italia. Passato in Rhone Poulenc ha terminato la sua carriera nel 1987 come Marketing Manager del mercato Italia. Da allora si occupa di Concessionarie di Pubblicità in particolare ricopre la carica di Vice Presidente di PRS che è una delle realtà a maggiore sviluppo degli ultimi 10 anni. L’azienda opera sul mercato delle televisioni di area e di quelle satellitari, della radio e del web, è membro del comitato direttivo della Federazione Concessionarie di Pubblicità, è Presidente della Tenuta di Biserno, tenuta vinicola di grande prestigio; oltre che Presidente Nazionale della ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane). Si occupa dell’amministrazione e dello sviluppo delle proprietà della famiglia in Maremma sulla costa toscana, gestisce attraverso una struttura dedicata piani di comunicazione ed eventi per clienti di alto posizionamento, presiede una fondazione che si dedica alla conservazione delle tradizioni in svariati campi, oltre che fiancheggiare l’attività di Ambiente Milano e della Fondazione Strozzi. Lo sci, la caccia, la natura ed i viaggi sono le sue passioni.
 
 

Salva

Salva

Salva

Salva

Viola del Quartetto di Cremona, ensemble di riferimento nel panorama internazionale con cui da diciotto anni suona in tutto il Mondo, Simone Gramaglia è considerato uno dei violisti di riferimento della sua generazione. Si è esibito come solista con diverse orchestre, eseguendo anche la celeberrima Sonata per la Gran Viola di Paganini. Dal 2012 suona in duo con il chitarrista Luigi Attademo. Tra le collaborazioni artistiche più interessanti quelle con Andrea Lucchesini, Lawrence Dutton e Jamie Walton. Suoi maestri sono stati Mikhail Kugel, Bruno Giuranna e Yuri Bashmet. Grande ispirazione ha avuto dal confronto con il suo mentore e amico Hatto Beyerle. 
Docente di Quartetto d’archi all’Accademia Stauffer di Cremona e del corso di viola e quartetto di Master4Strings, tiene masterclass in tutto il mondo. 
Direttore artistico del progetto “Le Dimore del Quartetto” e del Concorso Nazionale per Quartetto d’Archi “Sergio Dragoni”, Simone suona due bellissime viole, una G. Torazzi del 1680 gentilmente messa a disposizione dal “Kulturfond P. Eckes” e la viola Stradivari “Mendelssohn” appartenuta a Paganini di proprietà della “Nippon Music Foundation”. 
Scrive per la rubrica “L’Angolo del Quartetto” su Archi Magazine e studia filosofia presso l’Università di Genova.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Camilla Torna fonda nel 2006 lo studio di progettazione grafica ICASTIC, specializzato in visualizzazione. Dirige il programma Master MFA in Communication Design presso SACI College of Art and Design a Firenze.
Ideatore e curatore del progetto Visualizing Time, una collezione online di disegni sulla percezione del passare del tempo, ospitato dalla conferenza interdisciplinare Archetime a New York e del libro Infinite Instances curati dall’artista Olga Ast.
Una prima formazione di progettazione grafica e di Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Firenze, e anni di esperienza lavorativa negli Stati Uniti, in Austria e in Italia nei settori dell’identità visiva e dell’editoria, preludono alla decisione di dedicarsi come progettista strategico allo sviluppo di visualizzazioni metaforiche per aziende, Università, istituzioni culturali, trainer e coach professionali. A questa attività si affianca quella di visualizzatore durante meeting e conferenze, una nuova figura chiave che produce al tempo stesso un prodotto e un processo.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Alice Bovone si è diplomata in pianoforte presso il Conservatorio di Alessandria e ha conseguito la maturità classica nel 2012. Continuando a suonare e a insegnare ai bambini, ha studiato Economia e Management per l’Arte presso l’Università Bocconi di Milano e la Southern Methodist University di Dallas, Texas.
Appassionata di arte in ogni sua forma, Alice coordina il progetto Le Dimore del Quartetto da gennaio 2017. Sogna di vivere e lavorare in Italia anche in futuro, per aiutare il proprio splendido Paese a valorizzare il prezioso patrimonio culturale che lo rende unico in tutto il mondo.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Chiara Fabbris studia Economics and Management for Arts, Culture and Communication presso l’Università Bocconi di Milano. Adora viaggiare e scoprire le bellezze che la circondano. Da sempre appassionata di canto e musica di ogni genere, è affascinata dalle emozioni trasmesse da un artista nel rapporto con la sua arte.
Chiara sogna di portare un pubblico sempre più vasto alla riscoperta della bellezza dell’arte e della cultura, dedicandosi alla creazione e promozione di progetti culturali.

Diplomata a pieni voti al Conservatorio in Flauto Traverso, Alessandra Origani si laurea in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività culturali a Ca’Foscari (Venezia). Compie le prime esperienze lavorative nel vivace contesto del Mantova Chamber Music Festival, nel corso di tre stagioni consecutive. Vince una delle 50 borse di studio del primo ciclo del progetto Generazione Cultura voluto dal MiBACT di concerto con Luiss Business School grazie al quale ha poi avuto l’occasione di lavorare presso la segreteria artistica del Teatro Comunale di Bologna. La passione per la musica classica l’ha portata a specializzarsi ulteriormente iscrivendosi alla Facoltà di Musicologia dell’Ateneo di Pavia, dove attualmente sta frequentando l’ultimo anno.

Filippo Bomba, nasce a Roma nel 1992, si laurea in Scienze politiche a Roma nel 2016. Nel 2017 inizia la sua carriera come Direttore di Produzione del profumo e degli occhiali per il marchio m.a+ dello stilista romano Maurizio Amadei, collaborando con lo Show-Room di Parigi. In concomitanza inizia a lavorare come Communication Manager presso l’azienda sartoriale romana Bomba, fondata a Roma da Cristina Bomba negli anni ottanta. Per Le Dimore del Quartetto è responsabile dello sviluppo dei servizi per le Dimore e collabora alla trasformazione europea della rete. Appassionato di agricoltura e di tutto ciò legato ad essa, è una persona tranquilla e riservata che ama passare il tempo in campagna.

 

 

Camilla Pontillo, nata a Milano nel 1994, ha un’inclinazione e un interesse particolari verso le materie scientifiche, ma allo stesso tempo è affascinata dall’arte e dalla cultura nelle sue diverse forme. Dopo il diploma di liceo classico, ora studia chimica, materia che l’ha conquistata dal primo istante in cui l’ha conosciuta. È da diverso tempo vicina alla musica classica grazie all’influenza della sua più grande amica, la quale ha da subito condiviso con lei la sua passione principale. Per le Dimore del Quartetto si occupa di amministrazione e contabilità, l’ambito più affine alla sua mentalità schematica e precisa.